L'uomo e il kitesurf

Il kitesurf visto con gli occhi di chi lo pratica è difficile da spiegare. È un mix di adrenalina e paura, continua voglia di sfidare il mare ma con immenso rispetto.  

Che ci siano venti o quaranta nodi il kiter è sempre lì, con la pioggia o con il sole, che sia in estate o in inverno. Non ci sono feste comandate, non c'è Natale o Pasqua, compleanno o anniversario che possa reggere al confronto con il vento ed il mare; i kiters li trovi sempre, i primi ad arrivare e gli ultimi ad andare via, perché di una giornata in spiaggia non bisogna "sprecare" neanche un minuto , perché può essere proprio quel minuto in più sul pelo dell'acqua a farti rendere indelebile la giornata.

Quando sei oltre i duecento metri dalla riva, una volta uscito dal corridoio di lancio, ci sei tu con la tua ala, la tua tavola bidirezionale o surfino che sia, poco importa, quello è il tuo momento e tutto il resto non conta. Allora vai con i bordi, i salti, kite-loop, back-loop, railey, handle-pass, dalle manovre più elementari a quelle che ti fanno restare con il fiato sospeso. 

La tua mente viaggia, ti riaffiorano i pensieri più belli, l'ala ormai non la guardi più, la senti soltanto tra le mani perché sai dove sta andando, ed allora non puoi non guardare quello che c'è difronte a te. Sei al mare e stai surfando. 

    

                                                                                                                     Sergio Carpinello 

                                                                                                           

                                                                                                           

 

Contact us for kite school
learn with us kitesurfing

Alessio 392 5788931
Sandro 329 3503737

info@kitesurflecce.com

 

Facebook Image

 

 

 

Lascia un commento